AUTOMATISMO una macchina al contrario

    L’uomo ha fatto dell’automatismo un suo grande alleato, a partire dal momento in cui ha inventato la macchina a vapore fino alla rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo.

    Dal pc dal quale sto scrivendo al cellulare o all’automobile: tutto ha avuto inizio con un’azione che si ripete.  E’ della ripetizione che vi voglio parlare perché anche la mente umana è una macchina che innesta automatismi e che, in molti casi, ci vengono in aiuto: la lingua che parliamo, l’associazione di idee e significato derivato dalla scrittura, o i movimenti del corpo alla guida della nostra auto. Queste sono azioni che una volta apprese, si attivano in modo immediato e con scarsa consapevolezza da parte nostra.

    Esistono però, altri tipi di automatismi che al contrario ci impediscono di raggiungere i nostri obiettivi. Sono tutti i meccanismi della nostra mente che si innestiamo come i precedenti, in modo quasi inconsapevole e automatico, ma che influiscono in modo negativo sulla percezione di situazioni o persone.

    Questo meccanismo (o meccanismi perché possono essere piu’ di uno) ci può far sentire bloccati, e ci impedisce di progredire nel percorso della nostra esistenza, per questo viene chiamato: autosabotaggio.

    L’autosabotaggio nei casi piu’ comuni, si verifica quando:

    • non vediamo una possibilità che ci viene proposta
    • percepiamo una persona diversamente da come è
    • pensiamo che nessuno ci comprenda
    • abbiamo paura di fallire
    • vogliamo essere troppo precisi
    • critichiamo gli altri
    • rimandiamo

    L’autosabotaggio deriva da una percezione o convinzione che abbiamo della realtà che attiva a sua volta meccanismi di allarme nel nostro organismo generando situazioni di stress; si verifica così un circolo vizioso che va interrotto. Prendere consapevolezza di queste percezioni diventa fondamentale, per portarle a galla e quindi superare.

    In che modo possiamo identificare il nostro autosabotaggio?

    Come capiremo di aver superato i nostri ostacoli?

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *